Archivi per Senza categoria

“Caldo,

tanto da rendere l’aria quasi irrespirabile. Marciamo su una pietraia, tra due pareti rocciose, presto arriverà il tramonto e forse ci salverà da questa estate mediorientale. La luce ha il colore dell’oro antico quando usciamo dalla gola, sulla sabbia. Il mare, un infinito blu spumeggiante. Ci muoviamo lungo la spiaggia, in colonna, silenziosi. Raggiungiamo le […]

“Ah, l’orrore della guerra

 dici, si certo, in nessun altro luogo troverai qualcosa di simile. No, i bambini che saltano sulle mine non sono il vero orrore, sono una conseguenza, e sono qualcosa a cui, in qualche modo, ci si abitua, così come al dolore delle madri. Già, chi le costruisce e chi le posiziona, chi lo permette, certo, […]

“Mi chiedi come è la guerra,

 una domanda difficile, almeno quanto lo è descrivere con le sole parole la bellezza di un’opera del Caravaggio. Si, la guerra ha una sua bellezza, del resto nulla può sfuggire ad un giudizio estetico. Il Male può essere bello, e sovente lo è. No, non so se può essere riconosciuto in base alla bellezza, ma […]

“I giovani mi domandavano

cosa era la rivoluzione, contro chi doveva combattere un rivoluzionario. Allora rivolgevo a loro la stessa domanda, chiedevo chi fosse il nemico da affrontare. Molti dicevano lo stato, il governo, altri il capitalismo, i padroni, pochi parlavano di una classe, della borghesia, alcuni davano risposte fantasiose, anche divertenti. Quando tornava il silenzio prendevo la parola […]

“Ricordo un inizio di agosto,

l’anno era forse il 2013, caldo e opprimente. Nell’ afa pomeridiana riflettevo sulla bellezza del verso endecasillabo, sulla sua musicalità. Gli accenti sulla sesta sillaba e decima oppure quarta, ottava e decima oppure quarta, settima e decima. Sorrisi pensando a chi si credeva poeta e confondeva rima e metrica. Ma c’erano anche quelli che confondevano […]

“La fine del cosiddetto berlusconismo

e del suo ultimo interprete, il premier espresso dal nuovo centro democratico: Matteo Renzi, non avvenne per calcoli politici, prese di coscienza…avvenne per un motivo semplice e perfino banale: l’ incapacità di mantenere un adeguato livello di “panem et circenses”. Tuttavia non ci furono moti rivoluzionari, ad esclusione di alcune rivolte isolate, ma un progressivo […]

“La condanna di Berlusconi

fu anche la condanna dei vecchi partiti di ‘sinistra’ e di ‘destra’. Ciò non incise minimamente sull’ economia italiana, ormai decisa dalla macronazione europea. Alle elezioni del giugno 2014 si affermò il nuovo partito di centro che governò assieme alla nuova destra. Le vicende italiane furono tuttavia del tutto marginali nello scontro fra macronazioni emergenti […]

“Nel web 3.0

si accentuò e infine prevalse la “logica del beduino”. I rapporti di “amicizia” e sostegno reciproco poterono così essere riassunti: L’amico del mio amico è mio amico L’amico del mio nemico è mio nemico Il nemico del mio nemico è mio amico Il nemico del mio amico è mio nemico Assistemmo ad un regresso della […]

“Ricordo

l’ inizio del nuovo mondo, l’inizio della fine dell’ umanità. Era l’ estate del 2013, ricordo l’afa e il caldo insopportabile, il tweet di una giornalista, l’ hashtag: ‘I banged James Deen #troughglass’ Era stato girato il primo video porno usando il prototipo degli occhiali che cambiarono la nostra storia. L’attrice se li fece prestare […]

Miracapì!

Così lo chiamavano, e lui sorrideva, felice di poter aiutare. Quando era arrivato vestiva una divisa lacera, gli occhi colmi di paura, solo, che tutti gli altri si erano persi o erano stati presi dai tedeschi. Era un ragazzo alto, con i capelli dorati e gli occhi azzurri, pareva lui stesso uno di quegli alleati […]